en/it
Yugen

La parola Yugen nell'arte giapponese indica le capacità misteriose che non possono essere descritte a parole; inoltre il termine letterario “simbolismo” dal punto di vista artistico è considerato in italiano il più vicino al significato di questa parola giapponese.

La natura è da sempre elemento fondamentale nella cultura giapponese. Fiori e animali, rocce e fiumi, posseggono un’anima e una natura divina. Gli artisti dell’ukiyo li raffiguravano come fossero esseri viventi, soggetti degni di veri e propri ritratti e non solo descritti come puro elemento decorativo ma come simboli.

Quattro sono le principali tematiche della pittura tradizionale giapponese: paesaggi, uccelli/animali, fiori e piante. Nella pittura sumi-e la natura assume un significato simbolico. Il bambù, per esempio, rappresenta l’amicizia perenne e la longevità. Rappresenta la flessibilità radicata nella forza. Richiama ad un atteggiamento interiore di grande duttilità che rende l’uomo forte quando, proprio come il bambù, di fronte agli eventi della vita non si oppone al cambiamento ma fluisce con esso e vi si adatta. Il bambù è “verde in tutte le stagioni” e ciò significa mantenersi intimi ed equilibrati anche nel mutamento delle stagioni e nelle varie fasi della vita.
Orchidea, bambù, susino e crisantemo rappresentano il “Ki” ovvero l’energia vitale delle quattro stagioni e delle quattro età dell’uomo e vengono denominati i “quattro nobili”.

Cosi’ come lo Zen , Zazen non è il mero apprendimento di una “tecnica di meditazione”, ma il contatto diretto con l’origine di tutto (“natura di Buddha”), allo stesso modo il “sumi-e” va al di là di una semplice “tecnica pittorica”.

This site uses cookies to allow better navigation. For more informationclick here.